Website - Denis Torri

Articoli Recenti

Il tempo mentale che viene messo a disposizione per leggere a volte è poco, l’approfondimento verrà se c’è interesse. Questo vuole essere lo spirito del sito che stai leggendo. Nato con una matrice culturale multifunzionale, si traduce concretamente nell’opportunità di continuo scambio di opinioni tra professionisti e imprenditori

Convegni ICA

L’intento di ICA – NETWORK è quello di migliorare il business delle imprese e la loro internazionalizzazione garantendo risultati significativi e misurabili. Il nostro stile di relazione è fatto di percorsi comuni con il cliente, di autentico rapporto di partnership, di trasferimento di know – how per la creazione di valore.

Tutto Lavoro e Famiglia

Questo libro si rivolge ai molti professionisti, avvocati, commercialisti e consulenti d’impresa che hanno la responsabilità di dover gestire i problemi interpersonali nelle aziende a livello familiare e che sono consapevoli delle difficili situazioni che si possono potenzialmente creare. Facendo uso delle informazioni contenute in questo libro, essi potranno essere d’aiuto con la soddisfazione finale di avere contribuito, forse anche in modo significativo, al successo della azienda familiare e al benessere della famiglia stessa.

CHEK UP Fiscale Internazionale

CHEK UP Fiscale Internazionale

Il check-up fiscale, da intendersi quale momento di tutela aziendale, è una procedura finalizzata a valutare in modo analitico la corretta applicazione della normativa tributaria, tenuto conto della prassi emanata dalle competenti autorità fiscali e della giurisprudenza in materia. Questo in particolare per società che operano sui mercati esteri o intendono svilupparli. Detta attività rappresenta altresì un’opportunità per il Cliente, in quanto permette l’individuazione di eventuali passività fiscali reali o potenziali – sia a livello societario che personale -, con possibile definizione o prevenzione degli aspetti sanzionatori inerenti e conseguenti; ciò avendo riguardo tanto alla legislazione italiana quanto a quella estera. Con riguardo alla fiscalità internazionale precisa Torri Denis Alborino che, essendo più giurisdizioni coinvolte, i benefici conseguenti all’attività di check-up fiscale possono solamente che amplificarsi, potendosi dunque definire le aree di miglioramento su cui operare. Ciò può rappresentare anche il punto di partenza per una possibile riorganizzazione aziendale. Da qui, l’importanza primaria di effettuare il check up fiscale internazionale. Il TEAM Con un’esperienza ultra trentennale a livello internazionale, il nostro team – composto da di giuristi-fiscalisti è specializzato, in particolare, nelle verifiche sulla posizione fiscale di società con attività industriali e commerciali in Paesi esteri. I SERVIZI Analisi della situazione aziendale pregressa e attuale, con evidenza dei rischi di natura fiscale e legali per le attività condotte all’estero, con conseguente gestione delle possibili rivendicazioni. Realizzazione di procedimenti di conformità alle nuove normative, definizione delle relative procedure. Gestione di precedenti irregolarità. Analisi delle opportunità in materia fiscale concesse dalle leggi nazionali e internazionali. Predisposizione di sistemi di verifica della corretta applicazione delle norme tributarie vigenti, evidenziazione delle aree di rischio ed adeguamento delle procedure amministrative. Monitoraggio fiscale internazionale Analisi di progetti di internazionalizzazione (ad esempio ristrutturazioni societarie, acquisizioni all’estero ecc). Analisi prospettica di natura fiscale (valutazione di nuovi scenari di diritto o di fatto). Analisi della corretta interpretazione ed applicazione della vigente normativa fiscale e di quella pregressa (evoluzione). L’individuazione delle aree di rischio e gestione potenziali responsabilità. Redazione di pareri in ogni settore del diritto tributario sotto il profilo del diritto comunitario e internazionale Per il passato il check up fiscale: 1) valuta la correttezza dell’attività svolta; SINTESI 2) individua i rischi e gli oneri – reali o potenziali – derivanti dagli errori commessi [valutazione delle sanzioni amministrative/penali e dei possibili rimedi]. Per il futuro il check up fiscale: 3) previene il ripetersi degli errori già commessi; 4) offre spunti per una “riorganizzazione aziendale o personale” volta all’ottimizzazione dell’onere fiscale e dei connessi flussi finanziari. ------ Denis Torri ------

Innovati

Visitate il sito Innovati.network
Innova
Innova
Polo Tecnologico

Global Advisory Board di Denis Alborino Torri

In questa fase di importante crisi internazionale, precisa e commenta Denis Alborino Torri,  gli imprenditori vengono chiamati a rielaborare in tempi brevi le proprie strategie e sfide aziendali.

Un ruolo di supporto strategico e operativo è svolto dal global advisory board.

Continua Denis Alborino Torri, a differenza di consigli di amministrazione, comitati consultivi non hanno alcuna responsabilità, e il loro consiglio è non vincolante.

Il C/GAB riceve dall’AD o dagli azionisti l’input per effettuare il proprio compito, stende un piano strategico e d’azione, definisce e monitora i processi da attivare, approva, modifica, condivide, comunica ciò che è relativo alla propria funzione, sia internamente che esternamente alla organizzazione, assiste l’assessement interno e prioritizza il da farsi nell’immediato, nel breve e nel medio termine. Consente continui aggiustamenti e flessibilità, reperibilità e controllo sull’esecuzione.

Mettendo  insieme un buon team  di consiglieri,  si creerà una risorsa importante che può fare la  differenza  quando è necessario per ottenere una consulenza obiettiva, esplorare il mercato, valutare le tendenze future, cercare nuove posizioni strategiche.

Denis Alborino Torri illustra come creare un Advisory Board:

  • Determinare l’obiettivo del vostro Advisory Board: comitati consultivi possono essere di portata generale o mirata per specifici mercati, settori o questioni come l’adozione di una nuova tecnologia o internazionalizzarsi. Essi forniscono conoscenze tempestive sulle tendenze,  concorrenti, nonché individuare imminenti sviluppi  economici, legislativi e normativi.  Essi possono aiutare a immettere nuove imprese e guardare le proprie operazioni con una metodologia indipendente.
  • Scegliere le persone con provate competenze specifiche e diverse con maturata esperienza. I  membri del comitato devono essere  risolutori di problemi in tempi  rapidi e  avere una forte capacità di comunicazione.
  • Grandi nomi possono essere positivi… ma non sempre: la credibilità è importante ma è  oltremodo determinante avere membri che hanno il tempo per offrirti consigli riflessivi e indipendenti  e  sono ben collegati al mondo delle professioni.
  • Nel comitato consultivo, si dovrebbe stabilire le regole di base su ciò che ci si aspetta in termini di tempo, responsabilità e durata del mandato.  Specificare le aree in cui si sta in cerca di supporto.  Se il comitato consultivo sta per discutere di questioni che includono informazioni private, i membri devono essere informati che gli verrà chiesto di firmare un accordo di riservatezza.
  • Ottenere il massimo delle riunioni dell’Advisory Board: Preparare per le riunioni con largo anticipo. Un’attenta riflessione deve essere data  a sviluppare l’agenda e la gestione della riunione.  Eseguire la sessione come si farebbe con qualsiasi incontro professionale, e seguire con un piano d’azione.  L’advisory board  deve anche sapere come  tirare fuori e come stimolare un dialogo. Dovrebbe essere orientato al risultato, come le idee senza azione non valgono molto, da escludere da subito.  I verbali devono essere scritti e diffusi al top management.  Le note dovrebbero includere raccomandazioni su questioni fondamentali.
  • L’ advisory board incoraggia i membri a raccontare i loro errori in modo da poter evitare di fare gli stessi. Si può imparare molto da scoprire quello che gli altri hanno fatto di sbagliato.

Quindi se si sta portando il  business  con un potenziale di crescita elevata, una delle cose più preziose che si dovrebbe fare presto è quello di istituire un comitato consultivo.  Scalare la propria impresa è un lavoro duro.  Un gruppo di consulenti impegnati per il vostro successo non solo fornisce una cassa di risonanza per verificare e rafforzare le vostre idee, che consente di accedere a importanti competenze e risorse.

Infine, se stai pensando di istituire un comitato consultivo, essere molto chiari su quello che è, e ciò che non lo è.  Non è un consiglio formale di amministrazione, che ha dei doveri ben definiti, tra cui uno fiduciario.  Un comitato non si assume alcuna responsabilità legale o finanziaria per le decisioni che prendete.

Per un business in forte crescita, è difficile sopravvalutare l’importanza di questo tipo di sostegno.  Comitati consultivi consentono agli imprenditori di sfruttare le conoscenze specialistiche degli altri mentre affinando abilità e talenti dei loro propri.  Raggiungere nuovi mercati, l’accesso a nuove forme di finanziamento, l’adozione di nuove tecnologie, e ottenendo informazioni per gestire il rischio sono tutti necessari per scalare una avventura imprenditoriale sostenibile.  Un forte advisory board è uno dei mattoni fondamentali che vi permetterà di prendere il vostro business in scala.

 

Internazionalizzarsi; EU

www.icainternational.net

Torri Denis Alborino

Buona Lettura - Denis Torri - denistorri.eu

Ultime notizie